Dopo le polemiche ritirate le modifiche al Regolamento per la tutela degli animali a Torino

Dopo le polemiche delle scose settimane, reltive soprattutto alla questione dei cani usati per accattonaggio dai senza tetto nelle stade di Torino, è stata ritirata la delibera di modifica del Regolamento per la tutela e il benessere degli animali in Città.

A darne notizia con un lungo e decisamente polemico post su Facebok è stata la prima firmataria Chiara Giacosa (M5S):

“Siete più forti voi”…ma almeno io ho la coscienza pulita.
Chi mi conosce bene e chi mi ha seguito in questi anni sa quanto mi costi scrivere quello che sto per scrivere e quanto mi sia costato fare quello che ho appena fatto.
Tutta la mia vita è basata sul rapporto che ho, direttamente o indirettamente, con gli animali; nessun gesto della mia vita prescinde da questo. Nessuno.
In questi 5 anni da Consigliera comunale di Torino mi sono sempre battuta per il loro sempre maggior benessere e ho (abbiamo) raggiunto molti degli obiettivi che ci eravamo prefissati. Non li elenco perché, chi vuole sa o sa dove andare a trovarli. Forse dovrei ma non mi interessa perché il bene degli animali è stato fatto e questo è l’importante, almeno per me.
Le modifiche al Regolamento 320 “Regolamento per la tutela ed il benessere degli animali in Città” sono state un grande lavoro, un lavoro lungo e faticoso che, almeno fino a un certo punto, hanno trovato concordia in chiunque ci abbia lavorato.
Fino a un certo punto. Appunto.
Fino a che qualcuno ha deciso che la politica e le logiche partitiche dovesse venire prima del benessere animale. Avete capito bene, si. Qualcuno ha deciso che gli scopi partitici dovessero sopraffare gli intenti indirizzati alla tutela e al benessere degli animali della nostra Città. E da qui un’escalation continua…
Apprezzo moltissimo gli attestati di stima arrivati da cittadini che non conosco, da amici, da colleghi, da chi questo Regolamento lo conosce molto bene e da chi ha contribuito fattivamente all’elaborazione delle modifiche, quindi da molte delle associazioni che hanno contribuito.
Disprezzo profondamente chi, invece, ha letteralmente sputato sul lavoro fatto mettendo al primo posto le mire e i giudizi politici anziché il reale benessere degli animali di Torino. (Consiglio spassionatamente a lorsignori di rivedere il proprio Statuto o di aggiungere, come si dovrebbe se si volesse davvero il bene degli animali, la parte “associazione apolitica/apartitica”).
“Siete più forti voi” e io non posso far altro che chinarmi al vostro cospetto e fare un passo indietro.
Fatte queste premesse posso dire che almeno, io, la notte vado a dormire con la coscienza pulita. Con la coscienza pulita di chi sa bene di aver sempre agito solo per il bene degli animali di Torino e mai per questioni economiche e/o politiche/partitiche…
Ebbene, arriviamo al punto.
Oggi, in pieno accordo con il secondo firmatario Federico Mensio, ho ritirato la proposta di Delibera sulle modifiche da apportare al Regolamento per la tutela e il benessere degli animali in Città.
Chiedo scusa a chi ci ha creduto come me, a chi ci ha lavorato, a chi ha capito gli intenti. Davvero scusa dal profondo del mio cuore, e voi sapete a chi mi riferisco.
Chiedo scusa a Federico che, non solo per amicizia, ma anche per quella, ha studiato si è informato bene e ha capito e appoggiato fino in fondo le “mie” modifiche.
A tutti gli altri, a chi ha messo davanti il proprio tornaconto economico e politico auguro, con tutto il cuore, di pentirsi di quello che hanno fatto.
Vi auguro, con tutto il cuore, di trovare qualche “idiota” come me, in futuro, che creda davvero così tanto nell’importanza del benessere animale.
Io faccio un passo indietro con la coscienza più che pulita.
Voi, vergognatevi.



In questo articolo: