Rivarolo, uccide la moglie, il figlio disabile e i padroni di casa, poi si spara

Strage nella notte a Rivarolo Canavese. Renzo Tarabella, 83 anni, ha ucciso la moglie e il figlio disabile, poi ha sparato ai poprietari dell’alloggio, che vivevano al pian superiore, infine, all’arrivo dei caabinieri, si è sparato un colpo di pistola in faccia. Ora è ricoverato in condizioni disperate all’opedale Giovanni Bosco di Torino.

L’episodio è avvenuto in corso Italia, nel centro di Rivarolo. L’allarme è stato dato dalla figlia dei padoni di casa, che non riuciva a mettersi in contatto con i genitori. I carabinieri sono intervenuti alle 3 di notte, hanno citofonato e Tarabella ha risposto al citofono, poi si è sparato mentre i militari salivano.

Le vittime sono Rosaria Valovatto di 70 anni e il figlio Wilson di 51, Osvaldo Dighera e Liliana Heidempergher, di 74 e 70 anni. La pistola utiliizzata era regolarmente denunciata.



In questo articolo: