La procura di Torino coordina una maxi operazione internazionale contro la ‘Ndrangheta: fermi e perquisizioni a Volpiano

Si sta svolgendo proprio in queste ore una maxi operazione internazionale denominata “Platinum-Dia”, volta a colpire la ‘ndrangheta, coordinata dalla procura distrettuale di Torino. I paesi coinvolti sono l’Italia, la Spagna, la Germania e la Romania e vede impegnati oltre 200 agenti della direzione investigativa antimafia e un centinaio di unità della polizia di Stato, dell’Arma dei carabinieri e della guardia di finanza.
L’attività vede anche il supporto di unità cinofile, elicotteri e militari del Reggimento Genio Guastatori di Caserta e 500 agenti della polizia criminale del Baden-Wuttemberg, della polizia economico-finanziaria di Ulm e della SEK(G), dalla polizia rumena e spagnola.

In provincia di Torino, a Volpiano, centro nevralgico delle attività delle famiglie affiliate alla ‘ndrangheta, come gli Agresta di Platì (RC), la famiglia Giorgi, detti “Boviciani”, di San Luca (RC), responsabili di narcotraffico internazionale e attivi in Piemonte, Calabria, Sardegna e, in Germania, nel Land del Baden Wùrttemberg, nelle località turistiche del Lago di Costanza, sono state emesse diverse misure di custodia cautelare e svariate perquisizioni nei confronti di alcuni soggetti di queste famiglie.

I beni sequestrati su disposizione del tribunale di Torino ammontano a svariati milioni di euro: cinque società nel settore ristorazione. Nel capoluogo, la torrefazione Caffè Millechicchi e il bar Vip’s, a Volpiano una rivendita tabacchi. Colpita anche la G.P. Immobiliare e la General Costruzione, entrambe con sede a Torino.

Maggiori dettagli saranno forniti nel corso della conferenza stampa che si terrà alle 11 al Palazzo di Giustizia di Torino.



In questo articolo: