La protesta degli infermieri in piazza Castello: “Vogliamo riforme e assunzioni”

Il sindacato degli infermieri Nursind ha protestato questa mattina, giovedì 20 maggio, con un centinaio di rappresentanti davanti al palazzo della Regione Piemonte in piazza Castello a Torino. “Vogliamo riforme e assunzioni, perché ad uccidere non è stato solo il virus ma anche un sistema sanitario fragile – dicono dalla piazza – Noi non dimenticheremo perché i morti li abbiamo guardati in faccia ad uno ad uno abbiamo vissuto i drammi in prima persona e non seduti su un divano”.

Gli infermieri hanno ricordato le 11.549 vittime di COVID-19 in Piemonte (dato aggiornato al 19 maggio), con un minuto di silenzio e un cuscino di fiori. “Quando sono terminati gli applausi dai balconi, sono terminate anche le attenzioni delle istituzioni. Mai più morti senza assistenza” – sottolineano i rappresentanti degli infermieri che ricordano la protesta di un anno fa. “Siamo tornati invisibili ora che i riflettori si sono spenti, – spiega il segretario provinciale NurSind Giuseppe Summa – molti di noi stanno aspettando bonus Covid dalla Regione per non parlare delle numerose ore di straordinario. Non ci viene riconosciuto un buono pasto a chi non può mangiare per i dispositivi di protezione o indennità. Nel contratto non era previsto che gli infermieri avrebbero dovuto affrontare una pandemia. È questo il ringraziamento?”.



In questo articolo: