Domodossola, 53 persone percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza non dichiarando auto, moto e barche

Il meccanismo era sempre lo stesso: non dichiaravano nell’Isee il possesso di auto, moto e anche barche per abbassarne il valore e percepire così il reddito di cittadinanza. L’indagine dei Carabinieri di Domodossola era partito a novembre scorso quando insieme al nucleo ispettorato del lavoro di Verbania avevano incrociato i dati forniti nelle domande di sussidio e i beni posseduti e le dichiarazioni dei redditi. In 53 sono risultati irregolari di cui 8 stranieri residenti da più di dieci anni in Italia. Il danno alle casse dello stato è risultato di 420 mila euro.