Ex Embraco, stop alla cassa integrazione: lunedì lettere di licenziamento per gli operai

Dopo 4 anni di battaglie lunedì i lavoratori dell’ex Embraco, la fabbrica Whirlpool di compressori per frigoriferi di Riva di Chieri, in provincia di Torino, riceveranno la lettera di licenziamento. Scade oggi infatti per i 377 lavoratori ancora in forza all’azienda la cassa integrazione e resta soltanto la prospettiva della Naspi, l’indennità di licenziamento.

Lunedì sono previsti due incontri presso l’assessorato al Lavoro della Regione Piemonte.

Nel frattempo agli operai toccherà scegliere se firmare l’accordo per il fondo Escrow che Whirlpool ha lasciato per sanare i debiti e chiudere ogni contenzioso: vuol dire per ogni lavoratore circa 7.000 euro lordi e la rinuncia a ogni rivendicazione. Ma perché sia valido deve essere firmato almeno dal 90% e non è probabile che questo accada.



In questo articolo: