Nosiglia: amarezza per la vicenda ex Embraco

“Come arcivescovo emerito di Torino mi sento in dovere di intervenire in merito agli ultimi sviluppi della vicenda ex Embraco, di cui si è avuta notizia nella giornata di ieri. Questa mia dichiarazione è a titolo assolutamente personale e non impegna in alcun modo la diocesi. Ma sento una duplice necessità” Sono parole dell’arcivescovo emerito di Torino Cesare Nosiglia, che continua a seguire la vicenda dei lavorati ex Embraco.

“Prima di tutto – continua Nosiglia – quella di esprimere la mia solidarietà a quei lavoratori che vedono oggi annunciato, per un’altra fabbrica, quel «salvataggio» che all’ex Embraco è stato nei fatti negato. Come in passato continuo ad essere concretamente vicino ai lavoratori e alle loro famiglie, con la mia parola e con quanto mi è possibile fare;

Non posso, poi, non esprimere l’amarezza per come prosegue una vicenda così dolorosa per le persone e così grave per il tessuto economico e sociale del territorio torinese. Questa amarezza non è solo mia, ma di quanti si sono impegnati nel cercare soluzioni alla crisi.

Malgrado tutto, auspico che sia ancora possibile trovare spazi di manovra per evitare che tante famiglie si ritrovino senza mezzi di sostentamento.”



In questo articolo: