Seguici su

Cronaca

Sedici anni dalla tragedia della Thyssen, il rogo che si prese la vita di sette operai

Al Memoriale del Cimitero Monumentale di Torino si sono riunite le istituzioni insieme ai familiari delle vittime

Avatar

Pubblicato

il

TORINO – Sono passati sedici anni da quando – nella notte tra il 5 e il 6 dicembre 2007 – nell’impianto di Torino della ThyssenKrupp scoppiò un incendio. Sedici anni da una tragedia impossibile da dimenticare.

Il rogo si prese le vite di sette operai: Antonio Schiavone, Roberto Scola, Angelo Laurino, Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò e Giuseppe Demasi.

Qualche mese fa Harald Espenhahn, manager della Thyssen, è stato arrestato in Germania con l’accusa di omicidio colposo e dovrà scontare cinque anni per l’incendio costato la vita a sette persone. Il manager non aveva ancora scontato un solo giorno di carcere, nonostante il tribunale di Hamm avesse confermato la sentenza italiana nel febbraio 2020.

Tragedia della Thyssen, il ricordo di sindaco e istituzioni

Questa mattina, al Memoriale del Cimitero Monumentale di Torino si sono riunite le istituzioni insieme ai familiari delle vittime per ricordare i cari che non ci sono più.

Presente alla cerimonia anche Valentina Cera, consigliera di Città metropolitana di Torino che ha voluto lanciare un segnale di vicinanza e impegno affinché tragedie come quella avvenuta il 6 dicembre 2007 nello stabilimento ThyssenKrupp di Torino non accadano più.

Sono passati sedici anni da quella notte terribile in cui persero la vita Antonio Schiavone, Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Rocco Marzo, Bruno Santino.
Portare avanti il ricordo delle vittime della tragedia della Thyssen è un dovere a cui non possiamo venire meno: lo dobbiamo alle vittime, alle loro famiglie e ai loro cari.
La memoria di quella che rimane una ferita profonda e dolorosa per la nostra città deve continuare a rimanere viva, monito e stimolo ad aumentare l’impegno per un lavoro finalmente sicuro, per tutte e tutti.

È il ricordo del sindaco di Torino, Stefano Lo Russo.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *