Inizia il Salone Off: libri e scrittori per le strade di Torino

Se Maometto non va alla montagna… Salone del Libro non vuol dire solo Lingotto. Certo, la maggioranza degli eventi è concentrata lì, ma gli organizzatori (col sostegno dell’Assessorato alla Cultura di Torino) hanno pensato di “prendersi” anche altri spazi, portando libri e scrittori in giro per la città.

Salone off, così si chiama la manifestazione, si svolge in quattro circoscrizioni: la 3 (San Paolo, Cenisia, Pozzo Strada, Cit Turin), la 7 (Aurora, Vanchiglia, Sassi, Madonna del Pilone), la 8 (San Salvario, Cavoretto, Borgo Po) e, new entry dell’edizione 2011, la 4 (San Donato, Campidoglio, Parella). All’interno di queste aree ci sono luoghi particolarmente coinvolti, come piazzetta Primo Levi, la Cartiera (nuovo punto d’incontro in via Fossano 8), il Palafuksas (oggi Centro Palatino), piazza della Repubblica (Porta Palazzo) e piazza Santa Giulia. Salone off si allarga nello spazio, ma anche nel tempo: infatti inizia sabato 7 maggio, con qualche giorno d’anticipo rispetto all’inaugurazione ufficiale del Salone, e si conclude lunedì 16.

Il programma prevede un centinaio di appuntamenti tra incontri con autori, letture, spettacoli, concerti e proiezioni di film. Come al solito, un mare di ospiti. Tra questi, le scrittrici Dacia Maraini (domenica 15 al Diwan Cafè) e Margherita Oggero (giovedì 12 al centro giovanile Cartiera), l’attore Giuseppe Cederna (giovedì 12 alla Libreria Mondadori di Via Digione 23), i comici Alessandro Bergonzoni (sabato 14 al Centro Giovanile Bell’Arte) e Beppe Braida (sabato 14 all’isola pedonale dell’ex grattacielo Lancia), il Procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso (venerdì 13 alla Fabbrica delle E), i cantanti Niccolò Fabi, Enrico Ruggeri e Max Gazzè (lunedì 16 al Centro Giovanile Cartiera). Tanti anche gli appuntamenti teatrali e i momenti per i più piccoli.

Si sa che i libri svegliano la curiosità e accendono il dinamismo. E allora, gambe in spalla con le iniziative “di movimento”: le pedalate storico-letterarie lungo il Po e la Dora (sabato 14 e domenica 15), le coreografie urbane con più di 200 ragazzi, nello spirito dei flash mob ma con protagonisti libri e storia (sabato 7), la caccia al tesoro in giro per le quattro circoscrizioni (domenica 15, iscrizioni entro il 10 maggio scrivendo a untesorodilibro@salonelibro.it). Torna anche il Bookrunning, un’iniziativa ideata dal Teatro Colosseo in collaborazione col Salone che permette di scambiare libri e farli circolare, grazie a una rete con 130 punti in tutta la città. Quasi un “web d’altri tempi”, che ci ricorda quanto i libri siano stati e continuino a essere oggetti fondamentali per la creazione di un patrimonio condiviso, il confronto, l’incontro tra persone.