Raphael Rossi presidente dell’Asia di Napoli

Raphael Rossi è stato nominato presidente dell’Asìa, l’azienda partecipata del Comune di Napoli che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti. La notizia era già stata annunciata dal neo sindaco di Napoli Luigi De Magistris ed è stata confermata in un comunicato stampa della stessa società. Raphael lavora da anni come esperto di raccolta differenziata di rifiuti. E’ stato membro del CdA di Amiat  Torino di cui è stato anche vice presidente. Il suo nome è diventato noto in tutta Italia per i fatti accaduti in Amiat in cui denunciò un tentativo di corruzione per assecondare l’acquisto di un macchinario inutile da 4 milioni.

A Rossi fu proposta una tangente di  50 mila euro, diventati poi 150 mila, per eliminare la sua opposizione all’acquisto del macchinario superfluo. Rossi bloccò l’affare e  presentò un esposto alla Procura della Repubblica, consentendo alla magistratura di arrestare l’allora presidente dell’Amiat, Giorgio Giordano, e dei vertici di un’azienda dell’alessandrino, specializzata nella produzione di macchinari per il trattamento dei rifiuti.

La sua storia è stata raccontata a Report. Dopo la trasmissione Raphael ha ricevuto migliaia di mail e lettere di solidarietà e disponibilità che l’hanno portato a fondare un movimento, i signori Rossi che fornisce collaborazione a tutti coloro che intendano denunciare episodi di corruzione.

Ora Raphael deve vincere la sua battaglia professionale più difficile: mettere fine al luogo comune secondo cui i napoletani non sono in grado di fare la raccolta differenziata dei rifiuti. De Magistris ha lanciato una campagna per un obiettivo del 70% della differenziata in sei mesi.

Raphael Rossi in una recente intervista video a Quotidiano Piemontese



In questo articolo: