Seguici su

Cronaca

Si sottopone all’etilometro volontariamente, poi ubriaco fugge in auto e si schianta contro un albero

Redazione Quotidiano Piemontese

Pubblicato

il

Un inseguimento da film, quasi una trama surreale. Un marocchino 27enne, all’uscita del pub di Ceretto in frazione Busca, verso le 3 della notte appena trascorsa, ha volontariamente fermato una pattuglia dei carabinieri della stazione di Busca chiedendo di essere sottoposto al test dell’etilometro. Situazione insolita, ma i militari hanno accettato e riscontrato che il giovane era ebbro e il test alcolemico superava il limite consentito dalla legge, pertanto gli è stata sconsigliata la guida. Questi, però quasi a voler sfidare i carabinieri, saputo il risultato, si è subito messo al volante della sua auto, una Golf, sfrecciando, davanti agli occhi dei militari increduli, a tutta velocità.E’ nato, così un inseguimento per Busca, Costigliole Saluzzo, fino ad arrivare a Villafalletto dove la Golf, con a bordo il marocchino e tre suoi amici, si è schintata contro un albero. Tutti hanno riportato ferite. I militari, dopo avere identificato i 4 occupanti, 3 marocchini e un dominicano, in regola col permesso di soggiorno, hanno chiamato il 118 per il trasporto all’ospedale di Savigliano dove il 27enne ha rifiutato di sottoporsi agli accertamenti tossicologici ed alcolemici richiesti dai carabinieri.

Denunciato per guida in stato di ebbrezza. Ritiro della patente e sequestro del mezzo, nonché multe per una serie di infrazioni al codice della strada. Rimane inspiegabile il comportamento del giovane che, secondo i carabinieri, voleva mettersi in mostra con gli amici vantandosi della sua “stravaganza”.