E’ morta Rita Levi Montalcini , premio Nobel per la medicina e donna dal grande impegno civile

Levi-Montalcini, RitaE morta a 103 anni  nella sua abitazione a Roma in via di Villa Massimo Rita Levi Montalcini. La Montalcini era senatore a vita e aveva vinto il premio Nobel per la medicina grazie alla scoperta del fattore di accrescimento della fibra nervosa (NGF). Le esequie avranno luogo in forma privata a Torino il 2 gennaio con rito ebraico. Dopo il rito sarà sepolta con la sorella .Per volere della famiglia è stato reso pubblico il testamento della Professoressa : il suo intero patrimonio sarà devoluto per la ricerca scientifica ed affidato all’esecutore testamentario . 

Rita Levi Montalcini era nata a Torino il 22 aprile del 1909 da una famiglia ebrea insieme alla sorella gemella Paola nota pittrice morta nel 2000. Nonostante il padre non fosse d’accordo decise nel 1930 di studiare medicina all’Università di Torino.

A vent’anni entrò nella scuola medica del grande istologo istologo Giuseppe Levi, dove cominciò gli studi sul sistema nervoso che avrebbe proseguito per tutta la vita. Ebbe come compagni universitari due futuri premi Nobel, Salvador Luria e Renato Dulbecco. Nel 1936 si laureò in Medicina e Chirurgia con 110 e lode, per poi si specializzarsi in neurologia e psichiatria. Le le leggi razziali di Mussolini  Rita fu costretta a emigrare in Belgio con Giuseppe Levi.

Tornò a Torino, dove, durante l’inverno del 1940, allestì un laboratorio domestico situato nella sua camera da letto per proseguire le sue ricerche. Il bombardamento di Torino a opera delle forze aeree angloamericane nel 1941 rese indispensabile abbandonare la città e la Montalcini si rifugiò nelle campagne dell’Astigiano, dove ricostruì il suo laboratorio e riprese gli esperimenti. Nel 1943 la situazione divenne pesante e con la famiglia scese a Firenze. I Levi-Montalcini restarono a Firenze, divisi in vari alloggi, sino alla liberazione della città.

Nel 1947 il biologo Viktor Hamburger la invitò a St. Louis per assumere la cattedra di docente del corso di Neurobiologia al Dipartimento di zoologia della Washington University. Laa Montalcini oensava di rimanere poco negli Usa, ma invece ci rimase per 30 anni.

E’ stat la prima vincitrice di Nobel a superare i 100 anni di vita e la prima donna a essere ammessa alla Pontificia Accademia delle Scienze. Nel 2001 fu nominata senatrice a vita, dall’allora presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, che la scelse per i suoi meriti sociali e scientifici.