Un aprile di nuovo nero per il mercato delle automobili: -10,83%, Fiat -14,09%

fiatIn forte calo le immatricolazioni di automobili nel mese di in cui le vendite di auto nuove sono state 116.209 con una variazione di -10,83% rispetto ad aprile 2012, durante il quale ne furono immatricolate 130.321. A marzo sono state invece immatricolate 132.507 autovetture, con una variazione di -4,54% rispetto a marzo 2012. Sempre ad aprile, sono stati registrati 340.515 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di +4,01% rispetto ad aprile 2012. Nel mese di aprile il volume globale delle vendite ha dunque interessato per il 25,44% auto nuove e per il 74,56 % di auto usate. Nei quattro mesi le immatricolazioni sono state 471.750, in calo del 12,34 per cento. Le cause che hanno portato a questa situazione, secondo Il Centro Studi Promotor, sono molte e sono tutte ancora operanti. In sintesi il mercato italiano dell’auto è stato affondato dal caro-carburanti, dal caro-assicurazioni, dalle difficoltà di accesso al credito, da un carico fiscale assolutamente abnorme e dalla crisi economica.

In discesa Fiat Group Automobiles che lascia sul terreno il 14,09% delle immatricolazioni con una quota del 30,20%, in calo dal 31,36%, di aprile 2012. Il gruppo Volkswagen ha perso il 6,09%, un calo molto inferiore della media di mercato. Psa (Peugeot – Citroën) registra un calo delle vendite pari al 14,13%, male anche Gm (-37,92%) con Opel che cala 25% e Chevrolet ha un vero tracollo: – 60 per cento.  Bene invece Ford (+10%), Kia (+16,68 per cento), Toyota (+10,34%) e Mercedes (+6%)



In questo articolo: