Askoll, continua il presidio dei dipendenti che bloccano la produzione

askoll-castellalferoIl pericolo è che la proprietà vicentina del gruppo Askoll sposti altrove la fabbrica di motorini elettrici di Castell’Alfero e gli operai bloccano la produzione.
Prosegue dunque, dopo l’incontro con l’azienda dei giorni scorsi, il presidio dei 220 dipendenti ai cancelli della Askoll che questa mattina alle ore 11 si riuniranno poi in assemblea per valutare le modalità di prosecuzione dello sciopero.
Le ultime notizie riguardo alle intenzioni della dirigenza non sembrano lasciare molte porte aperte a sindacati ed istituzioni.