Una Juve stanca si inchina al Napoli (0-2)

Gianluigi-BUFFONUna Juve apparentemente stanca, poco reattiva, opposta a quella attiva e prepotente fisicamente che ha dominato le ultime stagioni e in particolare questo campionato, si deve inchinare a un Napoli che in questo modo segna un punto importante in una stagione a tinte chiaroscure. Due gol, uno per tempo, prima Callejon (al 37′ del primo tempo) e poi Mertens (al 35′ della ripresa), puniscono la squadra di Antonio Conte che continua comunque a guidare la classifica con un vantaggio enorme sulla Roma seconda e sullo stesso Napoli, al terzo posto. Annullato, giustamente, anche un gol ad Hamsik al 7′ del primo tempo. In una serata storta, in cui sono venute a galla le sofferenze intraviste nelle ultime partite, si segnala comunque l’ottima partita di Buffon (e anche questo è un sintomo della sofferenza dei bianconeri, che mai devono subìre molto). Ora Conte dovrà fare di tutto per raccogliere le forze e tirare fuori il meglio nell’importantissima trasferta di giovedì a Lione per l’Europa League.