Seguici su

Alessandria

Estorsori arrestati, pretendevano soldi da un piccolo imprenditore di Bergamasco

Redazione Quotidiano Piemontese

Pubblicato

il

Stefano Torretta

Stefano Torretta

I carabinieri della compagnia di Alessandria hanno arrestato a Bergamasco, in flagranza di reato 3 uomini per estorsione aggravata. Si tratta di Davide Lo Iacono 24enne pregiudicato, Stefano Torrente 39enne incensurato, Fabio Bartolo 32enne pregiudicato, tutti di Alessandria, responsabili di estorsione aggravata in concorso nei confronti di un piccolo imprenditore. Alcune settimane fa, Lo Iacono ha incontrato ad Alessandria la vittima a cui ha proposto di far lavorare un ragazzo in difficoltà economiche come muratore. La vittima, dopo aver accettato il giovane come manovale retribuendolo regolarmente, si è vista richiedere 500 euro da Lo Iacono in qualità della sua intermediazione e ha minacciato l’uomo e la sua famiglia di aggressione in caso di rifiuto.

Fabio Bartolo

Fabio Bartolo

Dopo vari contatti telefonici con il malvivente, la vittima è andata a ritirare la corrispondenza trovando nella cassetta postale di casa una busta contenente una cartuccia a salve per rafforzare la richiesta di estorsione da parte del ricattatore. Le minacce sono proseguite telefonicamente nei giorni successivi quando anche gli altri due uomini hanno iniziato a chiedere soldi all’imprenditore.

Davide Lo Iacono

Davide Lo Iacono

La vittima ha rifiutato più volte di sottomettersi alla pretesa di soldi, fino a quando, in accordo con i militari, si è presentato ad un incontro con i tre della banda. I carabinieri hanno circondato la zona dell’appuntamento e bloccato gli estorsori. Vista l’evidenza dei fatti e la gravità del reato, i tre arrestati sono stati accompagnati al carcere Cantiello e Gaeta a disposizione dell’autorità giudiziaria. Gli arresti sono stati convalidati dal tribunale alessandrino e due dei giovani già scarcerati, mentre per il terzo si trova agli arresti domiciliari ad Alessandria.

Iscrivi al canale Quotidiano Piemontese su WhatsApp, segui la nostra pagina Facebook e continua a leggere Quotidiano Piemontese