Pms e Cus insieme, in serie A1 giocherà l’Auxilium Cus Torino

Sarà l’Auxilium Cus Torino la società che affronterà il campionato di serie A1 di basket 2015-2016. Pms e Cus hanno comunicato l’accordo per la fusione societaria. Accordo che era evidentemente già pronto ma si è aspettato il successo della Manital per comunicarlo alla città, che torna nella massima serie di basket dopo 22 anni. Torna quindi lo storico nome di Auxilium, affiancato da una società storica come il Cus.

L’ambizione dichiarata è quella di ritagliarsi in fretta un ruolo all’interno del panorama nazionale, imponendosi all’attenzione come modello societario e gestionale, oltre che sportivo.

Questa la dichiarazione di Antonio Forni, neo presidente di Auxilium Cus Torino:

Sono trascorsi esattamente tre anni da quando nel giugno 2012 nella Sala delle Colonne, ospite dell’Assessore Stefano Gallo, avevo promesso alla Città di Torino il ritorno nella Pallacanestro di serie A.
Avevo detto ‘Entro il 2015’, per onorare nel migliore dei modi Torino Capitale Europea dello Sport. Nella prima stagione abbiamo ottenuto la promozione, nella seconda siamo arrivati in semifinale, ad un solo canestro dalla serie A, quest’anno, rimasto in pratica sda olo in Società, ho continuato a lottare per arrivare al traguardo agognato. L’ho fatto sempre in nome di due valori, ai quali come persona, come sportivo e anche come professionista, mi sono sempre ispirato: coerenza ed onestà. Ho fatto tutto quanto era nelle mie possibilità per il raggiungimento dell’obiettivo sportivo, per il quale devo ringraziare la squadra e lo staff, in particolare il Coach ed il Direttore Sportivo. Nei nostri ragazzi ho sempre creduto, e così pure in Luca Bechi e in Renato Pasquali: insieme hanno fatto un lavoro eccezionale, superando mille problemi e mille ostacoli, di ogni tipo.

Nel contempo però mi sono dato un gran daffare per raggiungere un altro obiettivo, egualmente importante. E ho aspettato il giorno dopo la fine di questo straordinario campionato per annunciarlo ufficialmente. Ora sono più che mai certo che la Pallacanestro a Torino avrà un futuro solido e duraturo. Il nostro è un Progetto vincente – lo dico sia ai tifosi che agli sponsor – perché il ritorno in serie A coincide con la creazione di una realtà sportiva d’eccellenza ben strutturata e competitiva che potrà garantire quella continuità nel tempo che purtroppo è mancata alla nostra Città in passato. Perché la passione ed il ‘cuore’ non sono tutto, occorrono anche cervello e programmazione. Torneremo a giocare con il glorioso nome AUXILIUM, avendo come partner la più importante realtà sportiva del nostro territorio: il CUS TORINO.
Il binomio AUXILIUM CUS rappresenta una sintesi straordinaria di valori. In questi ultimi mesi mentre lavoravo per il presente, con il sostegno morale e professionale di amici eccezionali e disinteressati come Massimo Feira e Maurizio Actis, senza i quali non ce l’avrei fatta a superare i momenti più tormentati della stagione, guardavo al passato glorioso di Torino, ai fasti da rinverdire, e contemporaneamente pensavo al futuro, rappresentato simbolicamente dal mondo universitario. E’ nato così AUXILIUM CUS, un Progetto non circoscritto e autoreferenziale, ma che si propone tra i principali obbiettivi proprio l’apertura alla collaborazione di tutti coloro che amano la pallacanestro e la Città di Torino.