Exor, holding della famiglia Agnelli, è primo azionista dell’Economist

Exor, la holding della famiglia Agnelli, diventa il primo azionista dell’Economist con una quota del 43,4% e un investimento di 405 milioni di euro. Si aggiudica una delle più prestigiose testate economiche al mondo. Exor ha già diverse partecipazioni nell’editoria tra cui RCS MediaGroup (Corriere della Sera), Italiana Editrice (La Stampa e Secolo XIX), Le Monde, Random House. Per salvaguardare l’indipendenza editoriale del settimanale, nessun azionista del gruppo The Economist può detenere più del 50% di azioni.