Un nuovo polo di ricerca di Università e Politecnico di Torino in via Giordano Bruno

Migliaia di studenti universitari frequenteranno il nuovo polo di ricerca nel settore dell’ingegneria biomedica che nascerà a Torino sotto le arcate dei vecchi mercati generali in via Giordano Bruno, rivitalizzando così questa zona, sofferente dopo l’abbandono dei mercati generali e la breve stagione del villaggio olimpico. Ieri l’assessore all’Urbanistica Stefano Lo Russo ha annunciato che la Città, insieme ai due atenei di Torino, ha trovato un futuro per quest’area. E che futuro. Università e politecnico realizzeranno congiuntamente una struttura dove sarà allo studio la realizzazione di “pezzi di ricambio” del corpo umano e lo sviluppo di nuove tecnologie di ingegneria da applicare alla medicina e alla diagnosi delle malattie. Aule, laboratori, uffici, anche l’insediamento di aziende private negli oltre 18 mila mq a disposizione. Il progetto costerà tra i 18 e i 20 milioni e attingerà a fondi europei. I primi studenti potranno entrare già tra un anno mezzo circa. Il progetto è stato presentato ieri ai residenti dall’assessore e dai rettori dei due atenei.