Enrico Ruggeri e la sua chitarra infiammano il Teatro Colosseo di Torino

Enrico Ruggeri e la sua chitarra hanno infiammato il Teatro Colosseo con i suoi fidi Luigi Schiavone alla chitarra e Fabrizio Palermo al basso, assistiti da Marco Orsi alla batteria e Francesco Luppi alle tastiere.  Un crescendo costante per tutto il concerto, che ha visto il ritorno di Enrico su un palco che conta a Torino. Un primo atto più soft e molto parlato, come da sua abitudine, un lento carburare con alcuni suoi storici brani come “La canzone della verità”, “Il futuro è un ipotesi “,“I dubbi dell’amore”.

Ma è dopo la pausa che il concerto entra nel vivo e assieme ad alcuni brani del suo nuovo album “Un viaggio bellissimo”, arrivano vere perle come “Il portiere di notte” e “Prima del temporale” e sul finale, alcuni dei suoi capolavori,come “Polvere”, “Quello che le donne non dicono”, una malinconica “Mare d’inverno” e c’è spazio per un bell’omaggio a David Bowie, con una sua personale interpretazione di “Life on Mars”.

Ma è nel terzo atto, che arriva il rock, quello che tutti si aspettano, ed ecco “Poco più di niente”, “L’ultimo amore non si scorda mai”, il successo di Sanremo “Mistero”, “Peter pan” e l’immancabile “Contessa”. Due ore di show in un bel crescendo, tutti in piedi sul finale, tutti a cantare e ballare senza freni.

Fotografie di Paolo Pavan, report di Nicoletta Lucheroni



In questo articolo: