Seguici su

Cittadini

Di ritorno dal Salone del Gusto restano bloccati in treno sei ore per un guasto

Redazione Quotidiano Piemontese

Pubblicato

il

Sei ore. Con una battuta si potrebbe dire che avrebbero fatto prima a piedi. Non hanno nulla da che ridere, invece, i passeggeri vercellesi che ieri, di ritorno dal Salone del Gusto a Torino, si sono ritrovati bloccati in treno fino a tarda notte, in aperta campagna. Senza nessuna informazione da parte di Trenitalia.

Sei ore: tanto è durato il viaggio da Torino a Vercelli. Complice un guasto alla motrice del treno.

I passeggeri sono saliti alla stazione di Porta Nuova, alle 20,54, sul Regionale Veloce 2029,  direzione Milano.  Arrivati alla stazione di Chivasso, però, intorno alle 21,30 circa, il treno si è fermato in aperta campagna, due chilometri dopo Sant’Antonino.

A causa di un problema alla motrice, causato da un investimento di un animale, il treno si è dovuto fermare, hanno raccontato alcuni passeggeri. L’impatto, infatti, ha causato il danneggiamento della condotta dell’aria che serve il sistema di frenatura.

Non solo: a causa del guasto, e della posizione del treno, Trenitalia non ha potuto fare scendere i passeggeri.

Morale della favola: le persone all’interno del treno hanno passato parte della notte all’interno del Regionale. Il treno sostitutivo, infatti, è arrivato intorno alle 2 di notte: alle 2,20 i passeggeri sono saliti sulla nuova motrice e sono stati accompagnati fino a destinazione.

Chi era diretto a Milano, capolinea del treno, è arrivato alle intorno alle 4. Meglio (si fa per dire) è andata ai vercellesi che sono rientrati intorno alle 3 di notte.

Iscrivi al canale Quotidiano Piemontese su WhatsApp, segui la nostra pagina Facebook e continua a leggere Quotidiano Piemontese

adv

Dalla home

adv

Facebook

adv