#allertameteoPie Le precipitazioni rallentano sul Piemonte, rimane il timore per le onde di piena

Finalmente il maltempo sta cessando sul Piemonte dopo aver flagellato la regione per vari giorni. Le precipitazioni sono calate e molto meno diffuse di prima, si attendono ancora precipitazioni ma più deboli.

L’ultimo comunicato di Arpa Piemonte

Si sta allontanando verso le coste atlantiche iberiche la circolazione depressionaria responsabile delle intense precipitazioni avvenute negli ultimi giorni sul Piemonte. Rimane tuttavia attivo un minimo secondario sulla catena pirenaica che si avvicinerà all’arco alpino occidentale nel pomeriggio odierno determinando un afflusso di aria più instabile.

Nelle ultime 6 ore si sono registrate precipitazioni forti localmente molto forti sui settori montani e pedemontani nord occidentali con picchi di 56 mm a Camparient (BI) , 81 mm a Niquidetto (TO) e 66 mm a Praly (TO) neve fresca al di sopra dei 2000 m tra i 10 e 15 cm sul torinese e quantitativi minori sui restanti settori. I livelli idrometrici dell’alto Tanaro sono in diminuzione ma ancora al di sopra dei livelli di guardia.

A Farigliano (CN) è già transitata la piena e i livelli permangono oltre il livello di pericolo da Alba (CN) fino a Montecastello (AL). La piena della Bormida sta transitando a Cassine con valori oltre il livello di pericolo. Il Belbo è sui livelli di guardia a Castelnuovo mentre l’Orba a Casalcermelli si mantiene sotto i livelli di guardia.
A Torino, i livelli della Dora Riparia sono stazionari su valori di pericolo, mentre sulla Stura di Lanzo sono al di sopra dei livelli di guardia. Tra gli affluenti di sinistra del Po, il Malone a Brandizzo, il Pellice a Villafranca e il Chisola a La Loggia sono ancora su livelli di pericolo mentre l’Orco, il Sangone, il Chisone e il Ceronda si mantengono sopra i livelli di guardia. I livelli idrometrici di Maira e Varaita permangono su livelli di guardia.

I livelli del Po continuano a crescere e hanno superato i livelli di pericolo da monte a valle di Torino, nelle sezioni di Carignano, Moncalieri, Torino, San Sebastiano Po (TO), Crescentino (VC), Casale Monferrato (AL). A valle il Po risulta in crescita al di sotto dei livelli di pericolo.

Nel pomeriggio di oggi sono attese precipitazioni diffuse sul Piemonte settentrionale di intensità debole o moderata (intorno ai 30mm in 12 ore). A causa dell’afflusso di aria più instabile, pioggia intermittente sui settori occidentali e sudoccidentali. Esaurimento dei fenomeni nella notte, ad eccezione del Verbano dove le precipitazioni cesseranno nella mattina di domani.

Nelle prossime ore è attesa la piena del Tanaro a Montecastello (AL) e della Bormida ad Alessandria che transiteranno con valori al di sopra della soglia di pericolo. Lungo l’asta del Po la piena transiterà a partire da Torino fino alla confluenza con il Tanaro. Il colmo di piena è atteso alla sezione di chiusura del Po (Isola S. Antonio AL) a partire dalla serata odierna.

Sui versanti si evidenzia la probabilità di inneschi diffusi di frane superficiali per criticità residua nel canavese e nel cuneese e inneschi poco diffusi nel biellese; inneschi isolati sono attesi nel verbano e nell’alessandrino.

Si consiglia di seguire gli aggiornamenti idro-meteo che verranno pubblicati sul sito di Arpa Piemonte e le indicazioni di comportamento della Protezione Civile della Regione Piemonte.



In questo articolo: