Pazienti legati ai letti, blitz dei carabinieri al San Giovanni Bosco dopo un esposto

Controlli dei carabinieri dei Nas, ieri pomeriggio, all’ospedale San Giovanni Bosco dopo un esposto di Riccardo Ruà, presidente dell’associazione Adelina Graziani, che aveva denunciato che nel  reparto di medicina due anziani erano tenuti legati al letto con polsi e caviglie. L’esposto di Ruà, infatti, chiedeva se il il trattamento fosse previsto dal protocollo e, soprattutto, se i familiari degli anziani erano a conoscenza della situazione.

Dopo i controlli ad intervenire sulla questione è il direttore dell’Asl di Torino, Massimo Veglio: “Le misure si sono rese assolutamente raccomandabili. Parliamo di un uomo di 94 anni affetto da demenza con comportamenti molto aggressivi nei confronti dei medici: la decisione di tenerlo legato è stata concordata con la famiglia. L’altro uomo invece è stato totalmente abbandonato dalla famiglia, e ha più volte tentato di buttarsi giù dal letto”.

 



In questo articolo: