Processo Eternit, respinto il ricorso della procura: niente processo unico e rimane accusa di omicidio colposo

Non ci sarà un processo unico e non ci sarà l’accusa di omicidio volontario. La corte di Cassazione ha infatti respinto il ricorso della procura di Torino contro la derubricazione a omicidio colposo nei confronti di Stephan Schmidheiny, unico imputato al processo Eternit Bis per la morte di 258 persone.

I processi rimarranno quindi suddivisi tra gli uffici giudiziari di Vercelli, Torino, Napoli e Reggio Emilia. Procedendo per omicidio colposo, infatti, cade anche la formula della continuazione dei reati contestati ed ogni tribunale si occuperà dei singoli casi di sua competenza.



In questo articolo: