OK della Corte dei Conti per modifiche per il progetto Tav richieste dagli enti territoriali

La Gazzetta Ufficiale ha pubblicato un documento del Comitato interministeriale per la programmazione economica del 2 aprile che approva una serie di modifiche all’allegato della cosiddetta delibera 30.

L’approvazione era subordinata alla registrazione della ‘delibera 30’ da parte della Corte dei Conti, che è arrivata.
Le modifiche all’allegato della delibera 30 del 2018 sono una serie di prescrizioni di vari enti, fra cui Ministero dell’Ambiente, il Mibact e la Regione Piemonte relativi, fra l’altro, alla pianificazione paesaggistica e urbanistica, alla gestione delle terre e delle rocce da scavo, all’area del cantiere di Salbertrand, alle opere sul torrente Clarea, al monitoraggio ambientale, alla tutela della fauna, alla valorizzazione del territorio. Le modifiche richieste non comportano variazioni di costo.



In questo articolo: