Rifiuta la droga e viene aggredito dal pusher, grave giovane

Nella tarda serata di ieri, due agenti della Polizia di Stato liberi dal servizio hanno arrestato in via Goito, per tentato omicidio, un ventottenne cittadino marocchino, irregolare sul Territorio Nazionale e gravato da diversi precedenti di polizia.

Intorno alle 23.30, un gruppo di ragazzi passeggiava in via Berthollet quando è stato avvicinato da due stranieri, uno dei quali ha offerto loro dello stupefacente. Uno dei componenti del gruppo e un cittadino marocchino di 28 anni hanno iniziato a discutere animatamente, lo straniero ha spinto e schiaffeggiato il suo giovane interlocutore. Durante la colluttazione, l’aggressore ha colpito e fatto cadere a terra la vittima e si è armato con una bottiglia di vetro trovata per strada. La vittima è riuscita ad alzarsi ed è fuggita in via Goito nel tentativo di sottrarsi al suo aggressore. Quest’ultimo, però, lo ha inseguito e una volta raggiunto lo ha colpito prima al capo con la bottiglia e poi all’addome con il vetro infranto, provocandogli una grave ferita.

Alla scena hanno assistito, due agenti di polizia, uno in forza al Commissariato Barriera Nizza e l’altro al Commissariato Flaminio della Questura di Roma, i quali hanno inseguito, tra la folla che occupava la via, lo straniero armato di bottiglia. Gli agenti lo hanno raggiunto, bloccato e tratto in arresto in via Goito angolo via Berthollet.

Il giovane aggredito è stato soccorso e trasportato in codice rosso in ospedale dove da un primo referto sono state riscontrate una ferita della parete addominale e ferite multiple al volto con una prognosi di 30 giorni.

 



In questo articolo: