Come funziona il mutuo giovani

Nel nostro Paese sono numerosi i giovani, in coppia o single, che richiedono un mutuo per l’acquisto della prima casa. Per poter ottenere questo tipo di finanziamento purtroppo è necessario avere varie garanzie e spesso anche una certa liquidità, visto che le banche tendono a concedere mutui che coprono solo l’80% del valore di un’abitazione. Per evitare che i giovani abbiano difficoltà nell’ottenere un mutuo, oggi sono disponibili diverse offerte di mutuo giovani agevolati, che permettono anche a chi non ha tutte “le carte in regola” di ottenere un prestito per l’acquisto della prima casa.

Mutui agevolati: per giovani e non solo
Il mutuo per i giovani è ovviamente un passo molto importante, per il quale servono garanzie ben precise. Per ottenere un prestito ingente in Italia è necessario: avere un lavoro a tempo indeterminato, da un certo numero di anni, possedere una certa liquidità e avere una situazione creditizia ineccepibile. Per una giovane coppia, che si è affacciata da poco al mondo del lavoro, questo tipo di credenziali non sono così facili da possedere. Spesso infatti si chiede aiuto ai genitori, i quali si fanno garanti per i propri figli e si impegnano a saldare le rate del mutuo qualora i giovani non riuscissero a farlo. L’acquisto della prima casa però è spesso anche un’affermazione dell’avvenuto distaccamento dalla famiglia di origine, non tutti desiderano stipularlo con i genitori come garanti. Fortunatamente oggi per i giovani, ma anche per categorie di persone non necessariamente di giovane età, lo Stato e le Regioni propongono alcune tipologie di agevolazioni particolarmente interessanti.

Il fondo di garanzia dello Stato
Non tutti lo sanno, ma ottenere un mutuo giovani è da alcuni anni più semplice, grazie al fondo di garanzia predisposto dallo Stato. Questo tipo di agevolazione può essere utilizzato da chi ha meno di 35 anni, ma anche dai genitori single, da chi ha un contratto di lavoro atipico e da coloro che vogliono lasciare un’abitazione popolare per acquistare la nuova casa in cui vivere. In tutti questi casi lo Stato si pone come garante, permettendo di ottenere un mutuo fino al 100% del valore della casa, anche senza avere tutte le garanzie di solito necessarie per accedere a questo tipo di opportunità. Il mutuo però deve essere richiesto per immobili che non siano di lusso, con un valore inferiore ai 250.000 euro.

Agevolazioni e sgravi fiscali per l’acquisto della prima casa
Sono varie anche le agevolazioni che riguardano chiunque desideri acquistare la prima casa. Questo tipo di interventi sono stati attivati per garantire a chiunque la possibilità di accedere a un bene considerato essenziale, ossia l’abitazione in cui vivere, da soli o con la propria famiglia. Per questo motivo quando si acquista la prima casa si possono ottenere tassi particolarmente favorevoli, così come la riduzione dell’IVA e delle imposte di registro. Inoltre, ogni anno si potrà detrarre dalle tasse il 19% degli interessi versati alla banca per il mutuo. Per ottenere questi sgravi è però necessario che la casa acquistata risulti essere l’abitazione principale dell’intestatario del mutuo, che si impegna a non rivenderla o affittarla per un certo numero di anni successivi all’acquisto.