La protezione civile annuncia che ci sono 6 positivi in Piemonte. I casi sospetti hanno una corsia preferenziale nei pronto soccorso

Sale a 6 il numero dei positivi al test per il nuovo coronavirus in Piemonte. Ad annunciarlo è Angelo Borrelli, capo del Dipartimento della Protezione Civile nazionale. Altri tre pazienti si aggiungono ai 3 già noti, il manager torinese e la famiglia di Cumiana, costituita da padre, madre e figlia, risultata per ora negativa. Sarebbero tre cittadini cinesi residenti nel cuneese e rientrati dalla Cina il 19 febbraio scorso.

L’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, d’intesa con il coordinatore dell’Unità di crisi regionale sul “coronavirus covid19”, ha disposto l’allestimento presso tutti i Pronto soccorso del Piemonte di tende pneumatiche della Protezione civile per le attività di pre-triage, in modo che gli eventuali casi sospetti di contagio possano accedere a un percorso differenziato, a tutela delle norme di prevenzione che impediscono la diffusione del virus.

In pratica, prima di entrare nel Pronto soccorso, si verrà sottoposti alla misurazione della febbre e alle domande necessarie a indirizzare il paziente verso il percorso sanitario più appropriato.

Il presidente della Regione Piemonte rassicura: “Nelle prossime ore vedrete allestire davanti ai pronto soccorso delle tende da campo. Vi prego di non allarmarvi perché è una scelta di tipo precauzionale per evitare di congestionare e generare criticità nei pronto soccorso. In questo modo gli eventuali casi sospetti di contagio accederanno a un percorso differenziato rispetto agli altri pazienti. Ricordo a ognuno l’importanza di mantenere la calma. L’aiuto di tutti è prezioso. Stiamo continuando il monitoraggio e la situazione è sotto controllo”.