Ragazzo aggredito e rapinato al parco del Valentino, uno degli aggressori riconosciuto e arrestato grazie a un kalashnikov tatuato sul collo

E’ stato grazie a un kalashnikov tatuato sul collo  che i carabinieri sono riusciti a riconoscere e risalire a uno dei 4 malviventi che la notte del 30 novembre hanno aggredito e picchiato un ragazzo di 29 anni al parco del Valentino. Poi lo hanno derubato del cellulare, di una collana e preso i suoi soldi.

Quella sera, dopo l’aggressione, il 29enne era riuscito a inseguirli e, raggiunti, ha chiesto ai 4 di riavere il cellulare. “Dammi 100 euro e ti  restituiamo il telefono” è stata la risposta. Capito l’inganno il ragazzo non ha ceduto al ricatto.

Grazie alle indagini e a un tatuaggio che uno dei malviventi aveva sul collo,  i carabinieri sono riusciti riuscirti a risalire a uno dei rapinatori: si tratta di un ragazzo cubano di 22 anni, abitante a Torino, con precedenti penali. E’ accusato di rapina, lesioni ed estorsione in concorso con altre persone.