E’ morto Carlo Ausino, girò il cult “Torino violenta”

E’ morto oggi alle 18.00 Carlo Ausino, regista molto legato a Torino. Nato a Messina nel 1938, ha legato indelebilmente la sua storia cinematografica a Torino. Girò soprattutto negli anni ’70 alcune pellicole di grande qualità con mezzi finanziari molto limitati. Tra queste bisogna ricordare “Torino violenta”, diventata un cult del genere poliziesco e “Tony, l’altra faccia della Torino violenta”.

Una curiosità non a tutti nota. Ad inizio anni 2000 fu lui a salvare le copie di alcuni film in concoso al Torino Film Festival in seguito ad un incendio che si sviluppo nei magazzini del cinema Reposi. Ausino ci ha lasciato oggi, proprio (e forse inevitabilmente) nella settimana del Torino Festival.

A darne notizia è stata la famiglia:

Carlo Ausino è mancato oggi 22 novembre 2020 alle ore 18:00, nella sua Torino che tanto ha amato e rappresentato nelle sue produzioni cinematografiche.
È stato un regista, un attore, una comparsa, un operatore, un videomaker, un maestro di cinema, ma soprattutto è stato un figlio, un padre, uno zio, un fratello, un compagno e un grande amico.
La sua passione per il cinema ci ha contagiati, entusiasmati e fatto sognare, sempre. Il suo senso dell’umorismo, la sua simpatia ci ha regalato tanti sorrisi.
Vogliamo ricordarlo così.