Iva non versata per 4 anni, sequestri per un’azienda di autotrasporti della Val Bormida

I finanzieri della Tenenza di Canelli  hanno recentemente concluso un’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Alessandria, nei confronti dei titolari di una ditta di autotrasporti operante nella Val Bormida, risultata evasore totale per oltre un quadriennio.

L’indagine trae origine da una precedente attività di verifica fiscale avviata, nei primi mesi del 2020, nell’ambito del piano d’azione “Mondo Sommerso” coordinato a livello nazionale dal Nucleo Speciale Entrate della Guardia di Finanza di Roma. L’attività condotta per gli anni dal 2014 al 2018 ha permesso di scoprire che i contribuenti, pur avendo istituito e regolarmente tenuto la contabilità aziendale, hanno sistematicamente omesso di presentare le dichiarazioni fiscali ai fini delle II.DD. e dell’IVA nonché di versare le relativeimposte.

Al termine degli accertamenti amministrativi sono stati individuati ricavi, non dichiarati al fisco, pari ad € 3.863.244 e € 276.124 di IVA non versata. Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Alessandria, su richiesta della locale Procura, ha recentemente disposto il sequestro per equivalente dell’importo pari all’importo dell’IVA evasa da cui è derivata la violazione penale. Oggetto di sequestro sono stati i fondi presenti sui conti correnti, titoli azionari, due trattori stradali per mezzi pesanti e un immobile intestato agli indagati.