Zona arancione: arriva la stretta dopo gli assembramenti per lo shopping a Torino

Si è tenuta questa mattina, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto con la partecipazione del Presidente della Regione, della Sindaca del Comune e della Città Metropolitana di Torino, del Questore e dei ComandantiProvinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, per il monitoraggio dell’osservanza delle misure di contenimento del contagio in seguito all’inserimento del territorio piemontese in zona “arancione” . Alla fine delle riunione è stata diffusa una nota nella quale si legge:

E’ stata tra l’altro dedicata particolare attenzione, tenuto conto dell’andamento della situazione epidemiologica e dell’esigenza di assicurare l’efficacia delle misure di prevenzione disposte, al tema degli assembramenti ed ai controlli per la prevenzione del fenomeno specie nel fine settimana, valutati anche alcuni casi di elevata concentrazione di persone in occasione della riapertura delle attività commerciali.

In esito alle valutazioni svolte sulla situazione e sull’andamento dei controlli effettuati nello scorso fine settimana si sono concordate alcune iniziative per contenere l’eccessivo affollamento nelle vie del centro.

Nella giornata di domani si terrà un incontro con le associazioni dei commercianti e i gestori dei principali esercizi commerciali del centro di Torino per la messa in atto di misure organizzative e prescrizioni rigorose per evitare gli assembramenti all’ingresso dei negozi.

Saranno inoltre svolti controlli a campione anche nei punti di accesso a Torino per verificare il rispetto delle limitazioni alla mobilità in vigore nella “zona arancione”, che prevedono, ora, la possibilità di spostarsi solo all’interno del proprio Comune ma richiedono la sussistenza di comprovati motivi, documentati attraverso l’apposita autocertificazione, per spostarsi con mezzi pubblici o privati in un comune diverso.

Proseguiranno i controlli già messi in atto da parte delle Forze dell’ordine e della Polizia Municipale, anche con pattuglie appiedate.

Verranno sensibilizzati i Sindaci del territorio della Città Metropolitana, cui verrà richiamata anche l’attenzione e la collaborazione al fine di evitare casi di mobilità dai rispettivi territori non rispondenti alle prescrizioni in vigore.



In questo articolo: