Coronavirus, il bollettino del 19 gennaio: +10.497 e 603 morti

Sono 10.497 i test (molecolari e antigenici) positivi al coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono 603, in netto aumento rispetto alle 377 di ieri (stesso numero di domenica).

Ieri i positivi erano stati 8.824.  A parte il dato dei morti, gli altri indicatori appaiono in miglioramento. Sono 254.070 i test effettuati, ieri erano stati 158.674. Il tasso di positività è al 4,1%, in calo rispetto al 5,6% di ieri (-1,5%). 
Sono in calo di 57 unità i pazienti in terapia intensiva, nel saldo giornaliero tra ingressi e uscite. Gli ingressi giornalieri in terapia intensiva sono 176. In totale i ricoverati in rianimazione sono ora 2.487. I pazienti in area medica – reparti ordinari, ricoverati con sintomi – sono in calo di 185 unità rispetto a ieri, portando il totale a 22.699. 
Gli attualmente positivi sono 535.524 (-11.535 rispetto a ieri), i guariti e i dimessi 1.781.917 (+21.428), in isolamento domiciliare ci sono persone 510.338 (-11.293).  In totale i casi da inizio epidemia sono 2.400.598, le vittime 83.157. 
Le regioni con il maggior numero di test per il coronavirus positivi nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, sono: Sicilia 1.641, Lazio 1.100, Emilia Romagna 1.034.  Tutte le altre regioni e province autonome sono al di sotto dei mille casi o dei cento, fino ai 18 casi giornalieri del Molise che chiude la classifica. 

 



In questo articolo: