Torino, sfascia 9 auto in 10 minuti e dopo la condanna minaccia tutti perchè vuole le sigarette

Poco dopo l’una di notte di martedì è arrivata la segnalazione che un uomo stava danneggiando le auto in sosta in via Santa Maria Mazzarello a Torino. Gli agenti della Squadra Volante intervenuti notano all’incrocio con via Monginevro alcuni materiali abbandonati in mezzo alla carreggiata tra cui dei bidoni dell’immondizia. Un testimone riferisce di aver visto un uomo ubriaco con un giubbotto rosso aver gettato un oggetto simile a un tavolo.

Gli agenti della Squadra Volante riescono a rintracciare l’uomo in Strada Antica di Grugliasco e lo fermano. I poliziotti accerteranno poi che il reo, 37 anni, aveva danneggiato 9 autovetture e una moto rompendo diverse parti dei veicoli: specchietti, fari, ecc. Il raid era durato circa 10 minuti e aveva avuto un raggio di azione di 500 metri.

Alla luce dei fatti il trentasettenne viene arrestato per danneggiamento pluriaggravato e denunciato per getto di cose pericolose, oltre ad essere sanzionato amministrativamente per le violazioni delle norme anticovid.

La mattina successiva, quando gli agenti lo accompagnano in Tribunale per il processo per direttissima, l’uomo ricomincia con i suoi comportamenti aggressivi sia in auto sia in tribunale dove inveisce anche contro il suo difensore. L’arresto viene convalidato con la misura dell’obbligo della presentazione alla P.G. Ritornando in Ufficio per terminare le incombenze del caso l’uomo, va nuovamente in escandescenze perché vuole andare dal tabaccaio a comprare le sigarette, minacciando di rompere tutto. Non appena l’uomo scende dall’auto giunta in ufficio, scalcia i poliziotti colpendoli a più riprese, gesto che gli vale l’arresto per resistenza a P.U. e la traduzione in carcere.