Un’opera dedicata a Dante di Savino Letizia è bloccata nell’assedio di Kiev

C’è un’opera d’arte di un artista torinese rimasta bloccata nell’assedio di Kiev. Si tratta dell’ “Omaggio a Dante Alighieri” di Savino Letizia, “l’artista con le forbici”, che era partita da Torino per essere esposta nella mostra “Dante Visioni” organizzata dal critico d’arte Giorgio Gregorio Grasso presso il Reserch Institute of Ukrainian Academy of Arts.

Proprio pochi giorni prima dello scoppio del conflitto, il 15 febbraio, la mostra era stata presentata dall’Istituto di Cultura Italiano di Kiev, insieme all’Ambasciata d’Italia, l’Ambasciata di Ucraina in Italia, il Ministero Degli Affari Esteri dell’Ucraina e il Ministero delle Politiche Sociali in Ucraina.

L’esposizione, realizzata dall’associazione “Vitaukr”, in collaborazione con il movimento “Uniti per Unire”, con lo scopo di dare nuove e inaspettate interpretazione della Commedia attraverso le opere di oltre trecento artisti italiani e ucraini, doveva terminare il 1 di marzo.

L’opera di Savino Letizia che si trova ora bloccata nell’assedio della capitale ucraina, è custodita nel caveau del Modern Art Reserch Institute of Ukrainian Academy of Arts, in attesa di essere riportata in Italia. Si tratta di un lavoro realizzata in PVC secondo la particolare tecnica de ’l’artista con le forbici ossia un taglio a mano libera senza disegno.

Il tema scelto da Savino Letizia per raccontare la “sua” Divina Commedia è in una terzina del Canto XXXII dell’Inferno

“non quelli a cui fu rotto il petto e l’ombra
con esso un colpo per la mano di Artù
non Focaccia; non questi che m’ingombra”



In questo articolo: