11 settembre 2022: la RAI chiude le trasmissioni a onde medie in Italia

La data dell 11 settembre 2022 potrebbe essere un momento storico per la radiofonia italiana dato che nella notte fra sabato 10 e domenica 11 la Rai terminerà le trasmissioni radiofoniche in onde medie.

La notizia si era diffusa a partire dall’audiodescrizione per non vedenti, disponibile per alcuni programmi nella seconda traccia audio del canale tv interessato, ma anche in onde medie su Rai Radio1.

Sul sito del servizio si scrive: che “dall’11 settembre 2022, causa cessazione delle trasmissioni radiofoniche Rai in modulazione onde medie, le audiodescrizioni dei programmi televisivi per i non vedenti saranno disponibili solo sui canali audio dedicati della televisione digitale terrestre”.

I programmi radiofonici Rai proseguono in FM, DAB+, web e app.

Le trasmissioni radio in onde medie  continuano a essere in buona parte del mondo la forma piu’ usata per trasmettere via radio.

La banda standard in onde medie è compresa tra i 525 kHz e i 1715 kHz nel Nord America mentre in Europa generalmente va tra i 526 kHz e i 1620 kHz.  I segnali a onda media hanno la proprietà di seguire la curvatura della terra e questo fa in modo che le onde medie siano ideali per trasmissioni locali e continentali.

Il problema delle onde medie è che garantiscono una buona qualità audio per la voce, ma non sono sufficienti per una trasmissione stereofonica ad alta fedeltà che invece è ottimale con la modulazione di frequenza FM.

Le prime trasmissioni in Italia in onde medie dell’URI che poi divenne EIAR e poi RAI sono dell’ottobre 1924 poi il 15 maggio 2004, le onde medie di Radio2 e Radio3 erano state chiuse e fuse nella rete unificata di Radio 1.



In questo articolo: