Sottraggono 200 mila euro di contributi UE per la promozione di DOP e DOGC con spese gonfiate

Il gip del Tribunale di Asti ha emesso un decreto di sequestro preventivo per recuperare 199.699,31 euro nei confronti di due persone, tra cui un legale rappresentante pro tempore di un’associazione che organizza eventi, con l’accusa di aver sottratto tale somma all’Unione Europea gonfiando le spese per l’attività di promozione di prodotti DOP e DOCG delle Langhe e del Monferrato.

L’indagine della Guardia di Finanza di Asti ha portato a scoprire il meccanismo con cui la società duplicava in modo fittizio i costi sostenuti per due manifestazioni, tenutesi nelle città di Alba e Asti. In seguito, nel 2017 e 2018, la società avrebbe chiesto alla Regione Piemonte per gli eventi un contributo a fondo perduto nell’ambito del FEASR (Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale).

I due indagati sono stati segnalati alla Procura Europea (EPPO – European Public Prosecutor’s Office) – sede di Torino per il reato di cui all’art 640 bis c.p. (truffa aggravata ai danni dell’Unione Europea). A seguito degli accertamenti quindi in Tribunale di Asti ha richiesto il sequestro preventivo di quasi 200.000 euro.

“L’operazione di servizio conclusasi oggi – fanno sapere gli inquirenti – è espressione della stretta collaborazione tra la Procura Europea e la Guardia di Finanza a contrasto degli illeciti e delle frodi al bilancio dell’Unione Europea”.