Maxi sequestro della Guardia di Finanza di Vercelli di 26 mila prodotti cosmetici

La Guardia di Finanza di Vercelli ha messo in essere un maxi sequestro amministrativo di oltre 26.000 prodotti prevalentemente cosmetici non sicuri per il consumatore che un venditore ambulante aveva esposto sul proprio banco durante lo svolgimento del mercato settimanale nel centro storico cittadino.

Il commerciante è stato segnalato agli uffici della Camera di Commercio per l’eventuale accertamento delle violazioni e l’irrogazione delle sanzioni amministrative che possono oscillare da un minimo di 500 euro ad un massimo di 4.000 euro.

I militari del Gruppo di Vercelli hanno individuato un banco con una vasta esposizione di articoli di bigiotteria, unghie e ciglia finte che sono risultati carenti delle informazioni minime previste per legge come la composizione del prodotto e le precauzioni per l’impiego che devono essere riportate sulla confezione.

Tra le migliaia di prodotti irregolari posti in vendita, i finanzieri hanno anche rinvenuto numerose confezioni di dispositivi di protezione individuali come mascherine chirurgiche FFP2 prive delle indicazioni previste per questa tipologia di prodotto e da ritenersi non idonee a proteggere le vie aeree dall’infezione da Covid-19.

Al termine del controllo, i militari hanno sequestrato l’ingente quantitativo di merce non sicura che, senza l’intervento della Guardia di Finanza, avrebbe potuto fruttare, con la vendita al dettaglio, oltre 28.000 euro.

Il sequestro che segue di pochi giorni quello riguardante circa un migliaio di flaconi di smalto per unghie privi di corretta etichettatura testimonia l’impegno della Guardia di Finanza di Vercelli nell’azione di prevenzione della diffusione di prodotti non conformi agli standard di sicurezza allo scopo di contribuire a garantire la protezione efficace dei consumatori e un mercato competitivo ove gli operatori economici onesti possono beneficiare di condizioni eque di concorrenza tra le imprese.



In questo articolo: