Seguici su

Cittadini

Pedaggio e mobilità in Italia, il mercato si scalda: come sono le alternative a Telepass

Esplora UnipolMove, l’innovativa alternativa a Telepass per il pagamento dei pedaggi autostradali. Scopri costi e servizi e trova il sistema di telepedaggio più adatto alle tue esigenze

Redazione Quotidiano Piemontese

Pubblicato

il

UnipolMove: una nuova scelta per il telepedaggio Autostradale

Da anni, Telepass è il leader indiscusso nel settore del telepedaggio autostradale in Italia. Tuttavia, l’arrivo di UnipolMove, un servizio proposto da Unipol, offre agli automobilisti un’opzione aggiuntiva per il pagamento dei pedaggi. Sebbene rappresenti una ventata di novità, UnipolMove deve ancora dimostrare di poter competere efficacemente con l’affidabilità e la vasta gamma di servizi offerti da Telepass, soprattutto in questo momento storico, paga ancora lo scotto del noviziato e di un certo numero di clienti arrivato in poco tempo che hanno intasato il canale di assistenza, che di fatto, per stessa ammissione dell’azienda, sta facendo fatica a rispondere alle rischieste di nuovi e vecchi clienti.

Funzionamento di UnipolMove

Installazione e uso quotidiano
UnipolMove è facile da installare: basta fissare il dispositivo al parabrezza. Utilizza la tecnologia RFID, la stessa di Telepass, garantendo compatibilità con le corsie autostradali dedicate. Anche se il processo di installazione è semplice, gli automobilisti che già utilizzano Telepass potrebbero non trovare motivi sufficienti per cambiare.

Copertura attuale, non ancora nazionale, e prospettive di espansione
Attualmente, UnipolMove copre la maggior parte delle autostrade italiane, con alcune eccezioni come la Superstrada Pedemontana Veneta e le autostrade siciliane. Telepass, invece, offre una copertura più ampia e consolidata, inclusa la possibilità di utilizzo all’estero, rendendolo la scelta preferita per chi viaggia spesso. La copertura di Unipolmove è una buona copertura per un’azienda arrivata sul mercato dle pedaggio da poco: l’unica pecca riguarda la regione Sicilia che ancora coperta: se siete siciliani o se dovete andare in Sicilia, meglio tenersi Telepass o provare Mooney, che avendo infrastrutture Telepass, ha anche il pedaggio sulle autostrade siciliane.

Problemi di funzionamento di UnipolMove

Attenzione ai varchi e agli addebiti
Un aspetto critico da considerare quando si utilizza UnipolMove è la necessità di individuare il varco giusto al casello autostradale. I dispositivi UnipolMove funzionano correttamente solo nelle corsie segnalate con la bandierina dell’Unione Europea. Se si entra in una corsia non compatibile, si rischia di non far alzare la sbarra, causando disagi. In alcuni casi, la sbarra potrebbe alzarsi solo dopo l’intervento di un operatore per riallineare il mancato pagamento del pedaggio, aumentando così i tempi di attesa e i disagi. Sempre per questo motivo sono diversi i clienti di Unipolmove che si sono visti addebitare l’importo dell’intera tratta, e in un periodo di affollamento dei canali di assistenza è molto complesso ottenere il rimborso.

Confronto di costi e servizi

Costi di abbonamento
UnipolMove propone un canone mensile di 1,50 euro, mentre Telepass ha un costo di 1,83 euro al mese (3.90 dal primo luglio) con un blocco dei prezzi per i primi 12 mesi. Anche se UnipolMove può sembrare più economico a prima vista, Telepass offre una gamma di servizi aggiuntivi che giustificano il prezzo superiore.

Gamma di servizi
Entrambi i sistemi permettono il pagamento per l’Area C di Milano e per i parcheggi convenzionati. Telepass, però, ha un ventaglio di servizi molto più ampio, inclusi il pagamento delle strisce blu, l’assicurazione contro furto e smarrimento del dispositivo, e molto altro. UnipolMove, al momento, offre meno servizi, ma sta lavorando per ampliare la propria offerta. L’offerta su cui ancora Unipolmove resta un attimo indietro rispetto al leader è quella dei parcheggi convenzionati: se dovete lasciare l’auto in parcheggi di aeroporti, stazioni, ospedali, la copertura è ancora molto bassa: ma sicuramente arriverranno novità.

Modalità di fatturazione e commissioni
UnipolMove addebita i costi mensilmente, il che potrebbe comportare commissioni bancarie più frequenti. Le banche potrebbero applicare commissioni che variano da 0,50 a 1,50 euro per ogni addebito, facendo sì che il costo delle commissioni possa superare il canone stesso. Al contrario, Telepass fattura ogni tre mesi, riducendo la frequenza delle commissioni bancarie e permettendo di partire subito e pagare dopo tre mesi senza interessi. Questo aspetto rende Telepass una scelta finanziariamente più vantaggiosa per molti automobilisti, riducendo i costi complessivi di gestione del servizio.

Strategie di marketing e offerte promozionali

Le strategie di Telepass
Telepass continua a innovare con promozioni e sconti su ricariche elettriche e carburante. Offre anche vantaggi come biglietti gratuiti per i mezzi pubblici a Milano e Roma, mantenendo alta la soddisfazione dei clienti e fidelizzandoli con offerte esclusive.

Le iniziative di UnipolMove
UnipolMove cerca di attirare clienti con l’integrazione dei servizi assicurativi di UnipolSai, proponendo pacchetti che includono assicurazione, noleggio a lungo termine e soluzioni di pagamento digitali. Tuttavia, deve ancora raggiungere il livello di promozioni e incentivi offerti da Telepass.

Il Futuro del telepedaggio

L’arrivo di UnipolMove rappresenta una novità interessante nel panorama del telepedaggio, ma Telepass rimane il punto di riferimento per gli automobilisti italiani. La concorrenza tra questi due operatori potrebbe stimolare ulteriori innovazioni e miglioramenti, offrendo maggiori benefici agli utenti. Con la sua esperienza consolidata e una vasta gamma di servizi, Telepass continuerà a essere la scelta preferita, mentre UnipolMove dovrà lavorare duramente per ritagliarsi una posizione nel mercato.

Iscrivi al canale Quotidiano Piemontese su WhatsApp, segui la nostra pagina Facebook e continua a leggere Quotidiano Piemontese

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *