Dopo la grande paura, torna la vita sui ponti della Dora. Domenica il concorso di pittura e fotografia

Una settimana fa guardavamo quelle zone con ansia: il livello dell’acqua saliva, le previsioni meteo erano una specie di bollettino di guerra. La memoria andava implacabile alle esondazioni del 2000. “E i ponti? Ce la faranno?” si chiedevano in tanti con apprensione. Domenica prossima, 12 novembre, in un clima emotivo (ma speriamo anche meteorologico) ben più disteso, la zona di Lungo Dora Napoli, dal ponte Carpanini al ponte Duca degli Abruzzi, ospita un concorso di pittura e di fotografia. Sembra un piccolo arcobaleno dopo il diluvio, il segno di una città che, passata la grande paura, può e vuole ancora riprendersi i suoi spazi.

Il concorso è inserito nella manifestazione Rive Gauche, Pittori a Torino. La Dora un po’ come la Senna. Titolo singolare, a suo modo coraggioso, che senz’altro richiede una buona dose di immaginazione: parliamo di un’area periferica, dove immigrazione e integrazione non sono parole ma sfide reali e faticose, dove a volte i cittadini si sentono abbandonati, abitatori di una città parallela che poco o nulla ha a che fare con gli sfarzi del c’entro. La Dora un po’ come la Senna. C’è chi continua a crederci, convinto che proprio quell’area, con le sue differenze e i suoi contrasti, sia una realtà vitale e possa diventare un punto di forza per la città. Il concorso è organizzato dall’associazione culturale Borgo Dora, con il contributo della Città di Torino, della Circoscrizione 7 e di alcune radio (Radio Italia Uno, Radio Centro 95 e Fantastica).

Per una volta niente pre-requisiti, selezioni a priori o televoti: hanno potuto partecipare tutti i cittadini, che nei giorni scorsi hanno mandato ai responsabili i loro lavori pittorici e fotografici. La giuria è composta da persone di estrazioni diverse: c’è l’assessore comunale Ilda Curti, c’è il presidente dell’associazione Borgo Dora Natalino Gori, c’è la pittrice Angela Berra Casale, ci sono giornalisti ed esperti. Saranno premiati i prime tre quadri classificati e le due fotografie più belle. Anche la giuria popolare potrà premiare un quadro. In caso di cattivo tempo la manifestazione è rinviata a domenica 11 dicembre.

Info www.bdtorino.it



In questo articolo: