Firme false alle elezioni Regionali 2010, condannato Renzo Rabellino

Il consigliere provinciale della Lega Padana Piemont Renzo Rabellino, è stato condannato a 2 anni e 10 mesi di reclusione per irregolarità nella presentazione di ben 6 liste alle elezioni regionali del 2010. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Torino per falso. I giudici hanno anche sospeso i diritti elettorali di Rabellino e lo hanno interdetto dai pubblici uffici per 5 anni. Il politico, che nella corsa per palazzo Lascaris era sostenuto da 9 liste, aveva ottenuto 37mila voti, risultando non eletto.

Il pm Patrizia Caputo aveva chiesto 4 anni di reclusione. Tra le firme a sostegno del leghista è spuntata anche quella della comica torinese Luciana Litizzetto, che durante il processo è intervenuta come testimone e ha negato di aver firmato.