Lo Tsunami Tour di Beppe Grillo arriva a Susa, prima tappa del Piemonte – video

beppe-grillo-valsusaSusa è stata la prima tappa piemontese dello Tsunami Tour di Beppe Grillo. A Susa  è stato accolto da migliaia di persone in piazza, molte con bandiere NoTav a cui Grillo ha subito chiarito: “Tenete pure giù le vostre bandiere tanto qui siamo tutti No Tav. Il governo si è costituito parte civile per il danno d’immagine che i No Tav gli avrebbero arrecato…  come se avesse ancora un’immagine. Siamo sprofondati in una voragine pazzesca!”. Grillo è arrivato con il suo  camper in compagnia di Marco Scibona, candidato valsusino al Senato e si è incontrato con il leader No Tav della Valsusa, Alberto Perino.

Qualche passaggio dalle parole di Grillo: “È necessario fare pulizia nei Partiti a cominciare da Fimeccanica con Orsi messo dalla Lega, Eni con Scaroni, Monte dei Paschi. Ma sono cose che dico da tantissimi anni, non adesso perché c’è il movimento. Parlavo della Parmalat da due anni dal fallimento.

Si è dimesso anche il papa, è fallito anche il Vaticano, non ha più l’ad. Perché è tedesco e loro se non reggono se ne vanno. Non capiscono perché le chiese sono vuote e i preti sono così. E la rete sta cambiando anche la Chiesa. Non voglio pensare che le dimissioni siano collegate con le tangenti che Mps ha pagato per acquisire Antonveneta che è stata comprata con i soldi dello Ior. Ormai ci sono più cattolici in Africa che da noi, sarebbe giusto che il nuovo Papa lo scegliesse il miliardo di africani anzichè mille vescovi di 70-80 anni

Saranno dieci giorni di fuoco ciucciate la matita che vi daranno al seggio perché é copiativa e si può cancellare, ascoltate questo consiglio”. A chi gli chiedeva”temete dei brogli?”, Grillo ha risposto: “Assolutamente sì”.

Un video dell’evento