Microcriminalità, Torino peggior capoluogo italiano

microcriminalità-280x230Torino è il peggior capoluogo in Italia per microcriminalità. Lo dicono i numeri dell’annuale rapporto sulla qualità della vita del Sole 24 ore che, su 107 capoluogi di Provincia, premiano Trento. I parametri su cui si basa lo studio sono 36, raggruppati in sei macro-aree di riferimento: Tenore di vita, Affari e lavoro, Servizi ambiente e salute, Popolazione, Ordine Pubblico, Tempo libero.
Torino è 52esima nella classifica generale, scivolando di 9 posizioni rispetto all’anno scorso, quando si trovava in 43esima piazza. Ma è l’indice dell’Ordine pubblico e della microcriminalità a punire la nostra città, 107esima su 107 capoluoghi d’Italia, in un’area in cui invece eccelle Oristano. I torinesi non possono sorridere anche per quanto riguarda altri due temi importanti come il costo della casa (100° posto) e l’ecologia (62°).
Il primo Comune piemontese per qualità della vita è invece Cuneo, alla 22esima posizione, mentre Vercelli è medaglia di bronzo nella penisola per la virtuosità nei consumi e la provincia del Vco è quarta per ciò che riguarda l’ecosistema urbano.