A Torino un Natale coi Fiocchi dal primo dicembre al 12 gennaio

natale-coi-fiocchi-torinoA Torino nonostante la crisi è partito il ricco programma della terza edizione di un Natale con i Fiocchi un ricco cartellone con week-end dedicati alle arti, alla spiritualità, alle tradizioni e all’atmosfera natalizia di festa fatta di luci, profumi, sapori e colori. L’ossatura del programma è fatta dalle  Luci d’Artistadal classico Presepe di Emanuele Luzzati, in piazza Carlo Felice e il quotidiano appuntamento con il Calendario dell’Avvento, in piazza San Carlo,  itinerari culturali dedicati alla magia della rassegna IncanTo , ai concerti di musica sacra, colta e popolare. L’arrivo del nuovo anno la sera del 31 dicembre avrà con un concerto-spettacolo di Giuliano Palma in piazza San Carlo.

Dal 4 al 23 dicembre in Borgo Dora torna il tradizionale Mercatino di Natale evento ricco di atmosfera dove, tra bancarelle e chalet, i visitatori possono trovare il meglio dell’oggettistica natalizia italiana e straniera, le prelibatezze culinarie e le specialità tipiche di produttori enogastronomici delle regioni italiane. Orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 12 alle ore 20 sabato e festivi dalle ore 10 alle ore 20

Ad arricchire il Mercatino ci saranno la mostra il Museo dei Presepi, circa 250 tipologie provenienti da tutto il mondo e un inedito presepe elettromeccanico dal titolo “Bianco Natale” appoggiato su una superficie di 20 mq con oltre 90 personaggi in movimento e un mostra concorso per i più piccini dal tema “Il Natale visto e raccontato per immagini dai bambini delle scuole dell’Infanzia della città di Torino”.

E’ anche ripartito il patinoire di piazza Carlo Alberto che  sarà aperto dal 29 novembre al 9 febbraio e gestito dalla Asd Piemonte Ice con il patrocinio della Federazione Sport Ghiaccio piemontese. Anche quest’anno come testimonial della pista verranno a Torino alcuni campioni che proprio nella nostra città, durante le Olimpiadi, hanno regalato gloria e medaglie ai colori azzurri: su tutti Enrico Fabris, oro nella velocità durante i giochi del 2006

I week-end tematici del Natale coi Fiocchi di Torino:

  • LA FAVOLA DEL NATALE  1 dicembre
  • INCANTO. TORINO CITTÀ DI PRESTIGIO  6-9 dicembre
  • TUTTI UNA SOLA VOCE  13-15 dicembre
  • SULLE ARIE DEL NATALE  20-22 dicembre
  • DALLA RUSSIA CON AMORE  28-29 dicembre
  • CAPODANNO A TORINO
  • UN PONTE TRA I POPOLI  4-6 gennaio

LA FAVOLA DEL NATALE – 1° DICEMBRE

Nella sede storica del Giardino Sambuy in piazza Carlo Felice torna, fino al 7 gennaio, uno dei simboli del Natale a Torino: il magico Presepe di Emanuele Luzzati.           I protagonisti delle fiabe si affiancano alle figure sante della tradizione in un’opera che deve alle novanta sagome disegnate dall’artista e dipinte su legno il suo straordinario impatto scenico.

Un allestimento da favola, dedicato ai bambini, anche in piazza Castello, con il Calendario dell’Avvento, per riscoprire il fascino del conto alla rovescia nell’attesa del Natale con i personaggi dei bozzetti di Emanuele Luzzati. Ogni giorno, dall’1 al 24 dicembre, alle ore 18, i Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Torino accompagnano il pubblico e i curiosi, con i loro mezzi e le sempre più spettacolari acrobazie, nella cerimonia di apertura di una nuova finestra.

L’inaugurazione di entrambi sarà il 1° dicembre: alle ore 17 al Giardino Sambuy, in piazza Carlo Felice e, alle ore 18, in piazza Castello, con due concertini di Natale realizzati dalla Fanfara della Brigata Alpina “Taurinense” dell’Esercito diretta dal Maresciallo Capo Marco Calandri.

INCANTO. TORINO CITTÀ DI PRESTIGIO 6-9 DICEMBRE

Città magica per eccellenza, Torino dal 6 al 9 dicembre diventa capitale dell’illusionismo con IncanTo. Torino Città di prestigio, rassegna di magia per tutti: grandi, piccini, maghi professionisti, amatori, studiosi e curiosi. Si potrà assistere a incontri, al Circolo dei lettori, con i maggiori artisti magici italiani, laboratori per le scuole e i bambini, numeri di close up in via Lagrange, L’affascinante arte della fuga, performance di escapologia in piazza Castello sabato 7 dicembre ore 17 e un gran finale, lunedì 9 dicembre, alle ore 21 al Teatro Regio, con il Gran galà di magia, spettacolo delle meraviglie con Arturo Brachetti, regista della serata sul palco insieme a Alexander, Gaetano Triggiano, Luca Bono, Luca&Tino, Francesco Scimemi.

TUTTI UNA SOLA VOCE  13-15 DICEMBRE

Il Calendario dell’Avvento in piazza Castello diventa per un fine settimana la magica cornice per l’esibizione delle formazioni dell’Associazione Cori Piemontesi.

Dal venerdì alla domenica, alle ore 16.30, diversi cori si alternano nel proporre il repertorio della nostra tradizione. Tra un’esecuzione e l’altra anche il pubblico, munito di libretto, può cimentarsi nel canto con la guida del maestro Paolo Zaltron: un coinvolgente open singing – nella formula che il festival Europa Cantat ha fatto conoscere – per riscoprire il senso della comunità nell’atmosfera delle feste.

SULLE ARIE DEL NATALE  20-22 DICEMBRE

La musica sacra, colta e popolare è protagonista dell’ultimo fine settimana prima del Natale. Quattro concerti proposti da formazioni corali ed ensemble di musicisti e compositori di alto livello in tre chiese del centro cittadino e due appuntamenti del Xmas Torino Gospel Explosion! 2013 nell’affascinante cornice di piazza Castello, per un viaggio nelle più belle note che da tradizione accompagnano le nostre festività.

DALLA RUSSIA CON AMORE  28–29 DICEMBRE

Nell’ambito della collaborazione tra le città di Torino e San Pietroburgo, alla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani il 28 e il 29 dicembre si svolge il Festival San Pietroburgo Dei Ragazzi, manifestazione sulle migliori attività culturali ed educative presenti nella città russa. Nel 2010 ha avuto sede a Berlino, nel 2011 a Vienna, nel 2012 a Praga. Inoltre, la sede espositiva dell’Archivio di Stato di Torino,ospiterà un’esposizione di opere d’arte provenienti dalla Collezione della Pinacoteca Manege di San Pietroburgo – Ente Statale Culturale “Central Exhibition Hall Manege”.

CAPODANNO A TORINO: GIULIANO PALMA IN CONCERTO

Sarà una lunga notte di musica e balli sfrenati per salutare insieme l’arrivo del nuovo anno. Nella splendida cornice di piazza San Carlo, cuore della città, alle 22.30 il gruppo torinese Garden of Alibis,protagonista nell’estate di un fortunatissimo tour, scalderà il pubblico con un soft rock elettronico.

Toccherà a Giuliano Palma – interprete dalla voce soul dei Casino Royale e poi leader dei Bluebeaters -e alla sua inedita Orchestra, resident band dell’edizione 2013 di Zelig, il countdown verso il 2014. In una festa di note che non conoscono età, prenderà vita l’esibizione dei più grandi successi della musica italiana e internazionale rivisitati in chiave dance: dal rockabilly allo ska, dal rocksteady al reggae in un susseguirsi di canzoni come ‘Pensiero d’amore’, ‘Tutta mia la città’ e ‘Che cosa c’è’ fino ad arrivare alla sfrenata ‘Messico e nuvole’. L’occasione è imperdibile per lasciarsi trascinare in un viaggio che metterà d’accordo tutte le generazioni. Per gli irriducibili, dopo il concerto la musica continuerà con il dj set dei Mostricci of Sound, noti animatori delle notti torinesi, che alterneranno in consolle hip hop, reggae, anni ‘80, ska, rock, italotrash, anni ‘90, drum‘n’bass, hits, new wave, indie modaiolo in un mix esplosivo.

Il Capodanno torinese avrà anche altre declinazioni: il Concerto di fine anno al Regio con l’Orchestra del Teatro; il Concerto di San Silvestro dell’Orchestra Filarmonica di Torino al Conservatorio Giuseppe Verdi; la Gran Festa di Capodanno ad Alfateatro, il Capodanno in Famiglia con Circo Puntino alla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani; lo spettacolo ‘Suite di Compleanno’ al Teatro Astra.

UN PONTE TRA I POPOLI  4-6 gennaio

Sabato 4 gennaio, alle ore 16.30 e alle ore 21, nella Chiesa di San Dalmazzo (via Garibaldi 25) si può assistere a La Magia della Musica nelle ‘Riduzioni Gesuitiche’ del Sud America (1609-1767): capolavori in musica della fede nelle missioni dei gesuiti omaggio a Papa Francesco in missione di ritorno nella chiesa di Roma e di tutti i continenti, con L’ensemble “Domenico Zipoli”. Si eseguono le partiture originali elaborate dalle trascrizioni dei manoscritti rinvenuti a Chiquitos, in Bolivia, nel 1972, a opera del Maestro Luis Szarán, direttore della Orchestra Sinfonica di Asunción (Paraguay).



In questo articolo: