Dieci giardini per dieci campioni del passato: Torino celebra i suoi fiori all’occhiello nello sport

Vittorio Pozzo
Vittorio Pozzo

Un omaggio ai grandi campioni del passato, un riconoscimento a quegli atleti che hanno portato lustro alla città. In vista del 2015, anno in cui Torino sarà Capitale Europea dello Sport, il Comune ha deciso di intitolare dieci giardini alla memoria di altrettanti sportivi torinesi. Si spazia da Ferruccio Novo, indimenticato presidente del Grande Torino, a Vittorio Pozzo, giocatore ed allenatore di Torino e Milan, ma soprattutto di quella Nazionale italiana capace di vincere due mondiali consecutivi nel ’34 e nel ’38.

Intitolazioni anche per il terzino della Juventus Pietro Rava, la campionessa di lancio del peso Amelia Piccini e il tre volte oro olimpico di ginnastica artistica Luigi Maiocco. Nei progetti di palazzo civico ci sono anche tre campioni della scherma come Pezzana, Delfino e Anglesio.