Incendiarono campo Rom a Torino, in 7 a processo per odio razziale

campo_romSette persone verranno processate a Torino con l’accusa di aver appiccato il fuoco ad un campo Rom a Torino e l’aggravante di odio razziale. I fatti risalgono alla notte del 10 dicembre 2011 quando una manifestazione degli abitanti della zona Continassa si diresse verso il campo Rom cone quelle che gli inquirenti hanno ritenuto intenzioni non solo dimostrative. Il raid che sfociò in incendio venne organizzato perchè una ragazza di 16 anni dichiarò di essere stata violentata da due rom di quella comunità, salvo ammettere pochi giorni dopo di essersi inventata tutto, violenza compresa. Sei imputati sono accusati di aver bloccato il mezzo dei vigili del fuoco intervenuto per spegnere l’incendio con l’aggravante dell’odio razziale. Una settima persona è accusata di aver minacciato un fotoreporter che voleva immortalare le scene della manifestazione. Si sono costituiti parti civili l’European roma rights center foundation, l’Asgi, Idea rom onlus, il Comune di Torino e due delle famiglie rom che vivevano nel campo. Il processo inizierà il 15 luglio, data in cui si svolgerà anche la prima udienza del dibattimento della prima parte dell’inchiesta relativa al rogo. Il pm è Laura Longo.



In questo articolo: