Processo Eternit, la Cassazione annulla le pene: reato prescritto già in primo grado

eternitDopo appena due ore di camera di consiglio arriva la sentenza della Corte di Cassazione per il processo Eternit. La Cassaizone ha annullato le pene comminate nei precedenti due gradi di giudizio perchè il reato è prescritto. Secondo la sentenza della Corte di Cassazione il reato era già prescritto al momento del processo di primo grado. Nello specifico la Corte ha annullato senza rinvio la sentenza della Corte d’Appello di Torino del 3 giugno 2013 che aveva condannato a 18 anni Stephan Schmidheiny per disastro ambientale doloso. Il miliardario svizzero era l’unico imputato rimasto nel processo. Sorprendendo un po’ tutti già oggi il sostituto procuratore generale stesso aveva chiesto l’annullamento della pena per sopraggiunta prescrizione.

Lo sdegno della società civile e dei cittadini su Twitter dopo l’annullamento del processo



In questo articolo: