Corteo dei migranti contro lo sgombero dell’ex Moi

Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Sono diverse centinaia le persone che nel primo pomeriggio hanno partecipato ad un corteo di solidarietà per evitare lo sgombero delle palazzine dell’ex Moi di Torino. Da Porta Nuova al Comune passando per il salotto buono della città in via Roma e piazza Castello, presenti tantissimi migranti, rifugiati e militanti dei centri sociali. Dietro lo striscione “Casa, lavoro, dignità: non si sgombera la libertà”, il corteo ha pacificamente marciato per manifestare contro l’ordinanza di sgombero dell’ex villaggio olimpico di via Giordano Bruno, nei cui appartamenti risiedono ora circa 700 immigrati di vario genere. In un volantino distribuito dai manifestanti si legge: “Non siamo turisti ma persone, adulti e bambini, che sono state costrette a fuggire dalle guerre e dai conflitti permanenti in corso. I nostri bisogni, il diritto alla casa e al lavoro, e la nostra condizione di rifugiati nelle palazzine ex-Moi non può risolversi in una questione di ordine pubblico”.