Seguici su

Cronaca

Nascerà un ospedale unico di Moncalieri, Nichelino, Chieri e Carmagnola?

Redazione Quotidiano Piemontese

Pubblicato

il

“il Piemonte è nelle condizioni di uscire dal piano di rientro della sanità entro fine anno”, parola di Sergio Chiamparino. Se così sarà, per il Piemonte si prospetta l’auspicabile possibilità di uscire dal commissariamento iniziato nel 2011 e poter concentrare i prossimi anni sull’avviamento di una serie di interventi strutturali, primi su tutti i punti più critici della rete ospedaliera. Il primo progetto che potrebbe essere realizzato è quello dell’ospedale unico di Moncalieri, Nichelino, Chieri e Carmagnola.

Bisognerà capire dove la Regione troverà le risorse per finanziare questo importante progetto. Il nuovo ospedale unico dell’Asl TO5 si potrà realizzare, almeno in parte, grazie alla vendita delle strutture attualmente esistenti di Moncalieri e Chieri. Sarebbe questo solamente un primo passo nel percorso di ricerca fondi, che dovrebbe coinvolgere anche i privati. Come spiegato da Antonio Saitta, assessore regionale alla Sanità, i comuni devono lottare per mantenere un ospedale molto piccolo, il che significa condannarlo a morire poco a poco. E se i sindaci comprendono questo, sarà più agevole agire. Entro fine ottobre verrà presentato dall’assessorato un piano complessivo degli investimenti ospedalieri in edilizia sanitaria e in tecnologia.

Iscrivi al canale Quotidiano Piemontese su WhatsApp, segui la nostra pagina Facebook e continua a leggere Quotidiano Piemontese

adv

Dalla home

adv

Facebook

adv