Giorgio Airaudo contro Fassino: culto dell’inerzia per non prendere decisioni contro lo smog

Giorgio Airaudo apre la campagna elettorale per le amministrative di Torino sui temi ambientali sostenendo che il Comune ha messo in atto iniziative blande contro contro lo smog che avvolge la città e che Fassino ha fatto molto poco per la mobilità sostenibile.

Airaudo si chiede:: “Per quale motivo a Torino non si adottano neanche i provvedimenti emergenziali antismog di Milano e Roma? Forse perché l’aria di Torino è migliore? Come è noto non è così, anzi. Il sindaco Fassino non  ha trovato nessuna soluzione, non diciamo più avanzata, ma semplicemente diversa, da quelle che altre città stanno adottando. L’unico motivo plausibile è il culto dell’inerzia, unito  alla volontà  di evitare conflitti con le rappresentanze dei commercianti.

Si attende, immobili, l’arrivo di piogge salvifiche. è inutile sprecare soldi pubblici per offerte ultimo minuto ‘paghi uno prendi tre’ del biglietto, li si utilizzi piuttosto per potenziare e migliorare il servizio. In questi anni  è stato fatto quasi niente per la mobilità sostenibile. Invece la grande vocazione di Torino sarebbe quella di ridiventare un distretto dell’auto elettrica e dell’auto condivisa”.